Ricette di Natale-Secondi Piatti

Non possono mancare a Natale piatti a base di pesce e di carne. Ecco a voi alcune ricette che potrete cucinare ai vostri familiari e amici.

Calamari ripieni alla siciliana

Calamari

Ottimo secondo piatto da proporvi per la cena della Vigilia di Natale, calamari alla siciliana.

INGREDIENTI 

•4 calamari freschi

• 250g di pan grattato

•3 acciughe senza lische

•2 cucchiai di capperi

• 2 cucchiai di pinoli

2 cucchiai di uva passa

• 1 spicchio d’aglio tritato

•olio extravergine d’oliva

• 1 mazzetto di prezzemolo

• sale q.b

• pepe q.b.

PREPARAZIONE TRADIZIONALE 

-Pulite bene i calamari togliendo le interiora. Tritate i tentacoli e soffriggeteli in un tegame con olio. Aggiungete i capperi, i pinoli, l’uva passa, e le acciughe, che avrete ammorbidito in un pentolino con poca acqua tiepida.

-A parte tostate in una padella il pan grattato ed unitelo al condimento insieme al prezzemolo tritato, all’aglio e al sale. Togliete dal fuoco dopo qualche secondo e mescolate per amalgamare bene il tutto.

– Con questo composto, riempite i calamari e fermateli alla punta con uno stuzzicadenti, in modo che il ripieno non fuoriesca. Sistemate i calamari in una pirofila unta con olio, salateli, pepateli e irrorateli con olio.

-Passate la pirofila in forno e gratinate per circa 30 minuti. Servite i calamari in tavola ben caldi.

Faraona con la melograna

         Guinea fowl with pomegranate

anatra-melograno-ok

Per la Vigilia d Natale proponete la faraona con la melograna , un classico piatto natalizio , abbellite anche il tavolo di Natale con qualche chicco di melograna.

INGREDIENTI 

• 1 faraona

• 2 melograne

• 2 scalogni

• 4 bacche ginepro

• 2 cucchiai pepe rosa

• 1 decilitro vino bianco

• olio extravergine di oliva

• burro quanto basta

• sale quanto basta

• 1 cipolla rossa

PREPARAZIONE : 60 minuti

● Iniziamo a  tagliare in due   il melograna , sgranatele una metà e passateli allo spremiagrumi  , le altre 3 metteteli in una ciotola con il vino, la faraona ,1 cucchiaino di pepe rosa e le bacche di ginepro.Mettetelo  in frigogorifero  per 2/3 ore avvolti nella pellicola.

● Sgocciola  la faraona, filtra la marinata,scaldate un po d’olio con il burro . Aggiungete la faraona,fatela rosolare per 2 minuti per lato.

● A parte fate soffriggere la  cipolla insieme allo scalogno tritate,unite la faraona, regolare di sale e bagnare  con un mestolo di brodo marinato.

● Cuoci e copri  per 50 minuti . Versate il fondo di cottura nel mixer con una noce di burro e frulla.

● Disponi la faraona nel piatto da portata con la salsa, i chicchi di melograna e il pepe rosa. Vedrete come si presenterà bene il vostro piatto.

VINO CONSIGLIATO :questa pietanza si abbina con un Vino Rosso ,in particolare con vini prodotti in Veneto.

Consiglio : BAGNOLI NOVELLO DOC

A questo punto il pranzo è servito !

Gamberoni saltati al pompelmo

Sauteed prawns with grapefruit

i-1

PERFETTO PER IL MENU’ DI NATALE,un secondo piatto a base di pesce , con gamberoni e pompelmo, facile e veloce da preparare.

Portiamo in tavola , sapori nuovi e unici!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE 

• 16 gamberoni

• 1 spicco d’aglio

• 1/2 bicchiere di cognac

• erba cipollina quanto basta

• 1 noce di burro

• buccia di limone

• pompelmo quanto basta

PCREPARAZIONE : 20 minuti 

● Iniziamo a  sciaquare i 16 gamberoni sotto l’acqua corrente , tagliare i gusci con le forbici,lasciare attaccata la testa e la coda, con l’aiuto di uno stuzzicadente, bisogna togliere il filo scuro del dorso.

● Sciogliere in una padella una noce di burro con 1 spicco d’aglio  e i gamberoni fateli  saltare  per 1/2 minuti , finché avranno cambiato colore.

● Unire la scorza di limone grattugiata , gli  spicchi di limone e gli spicchi di pompelmo.

● BAGNATE  il tutto con  1/ 2 Bicchieri di cognac e lascia evaporare a fuoco vivo.

● Infine profumate con steli di erba cipollina tagliuzzata.

● METTERE i gamberoni nel piatto da portata e serviteli.

VINO CONSIGLIATO : con questa pietanza si abbina con un Vino Bianco leggero , anche Spumante , in particolare con vini prodotti in FRIULI VENEZIA GIULIA .

Consiglio : FRIULI GRAVE PINOT BIANCO RISERVA DOC

 A questo punto il pranzo è servito !

Baccala’mantecato con polenta

Cod ‘Creamed whit polenta

baccala2-700x295.png

Un abbinamento tradizionale ma davvero gustoso quello del baccalà mantecato con la polenta, da proporre per la Vigilia di NATALE .

Un piatto davvero saporito!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE 

• 800 gr baccala’in ammollato

• 4 spicchi d’aglio

• 1 litro di latte

•1 confezione polenta  a cottura rapida

• 2 litri brodo vegetale

• 1 mazzetto di prezzemolo

• 1,5 decilitri di olio

• sale e pepe quanto basta

PREPARAZIONE : 1 ora e  30 minuti 

● Iniziamo a portare in ebollizione  in una casseruola con  il brodo vegetale e il latte , lessare il baccalà per circa 1 0ra .

● Preparare la polenta , seguendo attentamente le istruzioni sulle indicazioni , versarla su un tagliere e lasciarla raffreddare .

● Sbucciare l’aglio e fatelo cuocere, sarebbe meglio a vapore  per 10 minuti , in questo modo l’aglio risulterà più  digeribile .

● Pulire , lavare e tritare il prezzemolo .

● Sgocciolare il pesce , spellarlo e romperlo con le mani e facendo attenzione di togliere bene le spine.

● Frullare una parte di baccala’ , con l’olio e l’aglio per  ottenere una crema liscia e omogenea . Regolare di sale e pepe  e profumare  con il  prezzemolo.

● Tagliare la polenta a fette e provvedere a cucinarla  alla griglia , pochi minuti per parte.

● Servite il baccala’ a pezzi nei vari piatti da portata con la crema di  baccala’e aglio.

 VINO CONSIGLIATO : questa pietanza si abbina con un Vino Rosso Fermo , di medio corpo ,  anche Novello ,in particolare con quelli prodotti in Trentino Alto Adige .

Consiglio : ALTO ADIGE  CABERNET -MERLOT DOC

A questo punto il pranzo è servito !

Stinco di maiale arrosto glassato

Tic Frosted roast pork

2885879361_7b2c0e64a8_z-610x250.jpg

La ricetta di Natale dello stinco di maiale arrosto glassato , sarà davvero ottimo da presentare durante le feste. Questo modo di cucinare lo stinco di maiale non è  per niente complicato,si userà per velocizzare uno stico precotto ,ma se preferite comprarlo da  cucinare  , ricordatevi che bisognerà allungare i tempi e farlo marinare almeno 12 ore, per farsi che abbia un buon sapore, ma i assicuro che anche precotto è davvero ottimo.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE 

• 1 stinco di maiale

• bacche di ginepro quanto basta

• rosmarino quanto basta

• alloro quanto basta

• paprika quantobasta

• sale quanto basta

• qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva

• 1 cucchiaio mostarda inglese ( in polvere)

• 1 bicchiere di marsala

PREPARAZIONE : 40 minuti 

● Iniziamo a preparare un trito con tutte le erbe aromatiche , unite anche un pizzico di sale e le polveri delle spezie.

● Aprite lo stinco  e sistematelo in una teglia e apritelo per mettere dentro il trito aromatico.

● Condite con l’olio, mettetelo nel forno caldo e cuocete per 20 minuti a 200° gradi, bagnandolo con il marsala , per farsi che non si secchi.

● Dopo 20 minuti, mettere lo stinco nel piatto da portata e servitelo!

VINO CONSIGLIATO : questa pietanza si abbina con un Vino Rosso ,  corposo, in particolare con vini prodotti nel Lazio .

Consiglio : ATINA ROSSO DOC

A questo punto il pranzo è servito !

Cappone ripieno

Stuffed Capon

20131210-cappone-ripieno-ricette-di-natale-chef

Il cappone ripieno è un piatto  della tradizione Natalizia,lo faceva sempre la mia nonna , molto  saporito,si può   essere cucinato con tante varianti. Vi propongo come l’ho sempre cucinato io e mi auguro che  piacerà anche a voi.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE 

• 2 Kg di cappone

• 1 uovo

• latte

• timo

• 20 gr pistacchio

• burro

• 120 gr di salsiccia

• 100 gr di indivia

• rosmarino

• prezzemolo

• sale e pepe

• olio extravergine di oliva

• 180 gr di macinato

• 3 fettine di pancarré

• salvia

• vino bianco secco o brodo vegetale

• noce moscata

PREPARAZIONE : 2 ore

● Iniziamo a ridurre in granella i pistacchi con un l’ aiuto di un  coltellino e mettete a bollire l’indivia. Una volta cotta scolatela bene e tagliatela in pezzettini .

● Sbriciolate le salsiccia e mettete il ripieno in una terrina, uniteci anche il macinato e amalgamate .

● Unite le uova,la granella di pistacchi,l’indivia a pezzi e amalgamate bene con una forchetta e dopo le mani, per farsi che venga meglio l’impasto.

● BAGNATE  leggermente 2 fettine di pancarré nel latte , quindi strizzatele, e amalgamatele con il ripieno di carne.

● IMPASTATE bene per rendere l’impasto omogeneo.

● Tritare  tutti gli odori; la salvia, rosmarino ,  il timo e il prezzemolo. Inseriteli nel macinato e amalgamate ,aggiungete una grattata di noce moscata , salate e pepate.

● Oliate e salate bene l’interno del cappone e riempitelo con l’impasto appera fatto. Attenzione non riempitelo troppo, per non farlo spaccare durante la cottura e fate in modo che  non esca il ripieno.

● Completate la chiusura con un ago e dello spago da cucina.Fate sempre attenzione a chiuderlo bene per non fare uscire il ripieno.

● Legate le cosce e le ali , in modo che rimanga molto stretto  e mettetelo in una pirofila non molto grande , in modo che sia molto stretto.

● Unite 30 gr di burro a fiocchetti, spennellatelo su tutta la superficie con burro sciolto . Salate e infornate.

● Il cappone dovrà cucinare per circa 2 ore a 180° gradi .

● Mi raccomando i primi 10 minuti fatelo dorare per bene alzando la temperatura a 200° gradi , quindi poi abbassate a 180° gradi  e proseguite la cottura.

● Di tanto in tanto bagnate sempre la superficie con il vino bianco secco o il brodo vegetale in maniera che non si secchi.

● Sfornatelo e aspettate che si raffreddi e tagliarlo a pezzi .

● Mettete pezzi del cappone nel piatto insieme al ripieno , prima di servirlo bagnatelo  con il brodo di cottura.

VINO CONSIGLIATO : questa pietanza si abbina con un Vino ,  leggero , in particolare con vini prodotti in  Liguria .

Consiglio : COLLINE DI LEVANTE BIANCO DOC

A questo punto il pranzo è servito !!

Baccala’al pomodoro

Halibu with tomato sauce

baccala-pomodoro-e-olive-500x320

Idea molto semplice,un secondo di pesce che viene utilizzato spesso nel periodo Natalizio . Questo baccala’, è un merluzzo sotto sale che prende il nome di ” Kabelijauw” che il significato è bastone di pesce,ve lo voglio proporre con un sugo di pomodoro,aggiungendo dei capperi e delle olive nere, che renderanno questo secondo piatto ancora più saporito.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE 

• 600 gr baccala’

• 500 gr passata di pomodoro

• sale  pepe

• 30 gr capperi

• 1 spicco di aglio

• 40 gr olive denocciolate

• 50 gr farina

PREPARAZIONE : 50 minuti

● Iniziamo a pulire e lavare il nostro baccala’ , sciacquatelo, asciugatelo , infarinatelo,tagliare il pesce a piccoli tranci e procedere a friggerlo in una pentola con bbondante olio caldo .

● Una volta fritto , toglietelo dalla pentola, fatelo sgocciolatelo e fatelo asciugare su carte assorbente.

● A questo punto pelate l’aglio,tagliarlo a fettine ed eliminare il cuore, procedete a friggerlo in una padella con olio, unire la passata di pomodoro e cuocere  a fuoco moderato per 20 minuti circa, mettere i capperi dissalati ( quindi prima di versare i capperi sciacquarli bene sotto l’acqua corrente), infine aggiungere i tranci di baccala’, salare e pepare e continuare la cottura per altri 20 minuti.

● Impiattare il baccala’ e servitelo con il sughetto di olive e capperi.

VINO CONSIGLIATO : questa pietanza si abbina con un Vino Bianco , di medio corpo , in particolare con vini prodotti in Veneto.

Consiglio : OMOMORTO MENTI  GIOVANNI AGRICOLA

 A questo punto il pranzo è servito !

Salmone in salsa teriyaki con asparagi

1114-filetto-di-salmone-salsa-teriyaki-ricetta

Pochi sono i pesci che si sposano con tanta grazia con queste deliziose con gli asparagi.

E come secondo Natalizio il salmone va a nozze…quindi ecco a voi la ricetta.

Se poi il salmone è marinato, cotto e anche  glassato con una salsa teriyaki aromatizzata con una buona dose di zenzero, la ricetta diventa davvero una delizia   e anche il gusto  del salmone che si presenta un po’ troppo grassottello viene molto sdrammatizzato e alleggerito.

In questo tipo di salmone ppossiamo mettere il sesamo, ma è solo un soffio per dare quel tocco in più.

Prima  bisogna iniziare a marinare il salmone, poi lo passate nella padella rovente e intanto mettete gli asparagi a cuocere al vapore.

Il risultato è un piatto dal gusto essenziale,  con ogni ingrediente e colore che crea un perfetto equilibrio con gli altri.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 4 salmone da 150 grammi
  • 32  asparagi
  • 1 spicchio di aglio
  •  4 cm di zenzero
  • un cucchiaino di aceto di riso
  • 3 cucchiaini di sesamo

Per la salsa teriyaki

  • 60 grammi di salsa di soia
  • 50 grammi di mirin
  • 30 grammi di zucchero

PREPARAZIONE

–  Inizio a dirvi che la preparazione  più lunga da preparare è la salsa teriyaki, poi il resto  della  ricetta è una davvero passeggiata intorno al palazzo….😆😆😆

-In un pentolino mettere 50 grammi di salsa di soia e 50 grammi di mirin ( per chi non conoscesse il mirin , sotto c’è  la foto della bottiglia da acquistare, che si trova nei supermercati), lo zucchero e poi lasciare cuocere tutto dolcemente per 15 minuti.

yutaka-mirin
yutaka-mirin

-Lasciate raffreddare ed ecco che la salsa teriyaki è pronta. Si può  anche conservare la salsa  in frigorifero per 2-3 giorni, è davvero eccezionale  per marinare e condire carne e pesce, ma se volete aromatizzarla ancora di aggiungete lo zenzero, aglio, sesamo a vostro piacimento. (Tenetela n mente questa salsa).

-Sminuzzate aglio e zenzero, mettere il filetto di salmone in un piatto fondo, aggiungete la salsa teriyaki, aglio e zenzero, un cucchiaino di sesamo tostato in padella per 5 minuti.

-Massaggiate e coprite bene il salmone e mettete in frigorifero per 10 minuti.

-Nel frattempo preparate gli asparagi: con un pelapatate sfogliate il gambo e metteteli a cuocere con le punte rivolte verso l’alto.

-Ho scelto come abbinamento gli asparagi perché sono ottimi , ma potete usare anche un misto di verdure saltate con lo zenzero vanno benissimo per cambiare.

-MetteRegolate  una padella sul fornello, fiamma alta, scolate il salmone dalla salsa teriyaki e tamponatelo.

-Quando la padella risultera’ rovente adagiate il salmone, dal lato della pelle e cuocetelo 5 minuti e 4 dall’altro, ad 1 minuto dalla fine della cottura versate la salsa e glassate il filetto.

-Impiattare prima gli asparagi, quindi adagiate dolcemente sopra  il filetto e cospargere con il resto della salsa teriyak.

BACCALA’ IN PASTELLA ALLA BIRRA

baccala-in-pastella-alla-birra

INGREDIENTI 

  • 500 g di filetti di merluzzo
  • 6 cucchiai di farina tipo 00
  • 1/2 cucchiaino di lievito in polvere
  • 2,5 dl di birra chiara
  • 4 foglie di alloro
  • 1 limone non trattato
  • olio di semi di arachidi
  • sale
  • pepe nero in grani

PREPARAZIONE

In una terrina setacciate la farina insieme con il lievito, una presa abbondante di sale e una macinata di pepe; incorporate lentamente la birra versandola a filo e mescolando con una frusta fino a ottenere una pastella liscia e priva di grumi. Coprite la terrina con un telo da cucina e lasciate riposare per almeno 1 ora a temperatura ambiente.
In una capace padella antiaderente scaldate abbondante olio di semi di arachidi. Infarinate uniformemente i filetti di merluzzo predecentemente tagliati a metà nel senso della larghezza, immergeteli nella pastella e, quando l’olio sarà bollente, friggeteli pochi per volta finché saranno ben dorati, rigirandoli con due palette a metà cottura.
Scolate il pesce fritto prelevandolo con un mestolo forato, adagiatelo per qualche istante su carta assorbente da cucina affinché perda l’unto in eccesso e salatelo leggermente. Distribuite i filetti di merluzzo nei piatti individuali e serviteli subito in tavola, decorando con il limone ben lavato, asciugato e tagliato a spicchietti e con le foglie di alloro.

SEPPIOLINE AFFOGATE

polipetti-affogati

INGREDIENTI

  • 400 g seppioline
  • 400 g pomodorini di collina (scatola)
    olio extravergine d’oliva
  • origano
  • 1 spicchio d’aglio grande
    peperoncino
  • vino bianco
  • sale

PREPARAZIONE

Passare poco più di mezza scatola di pomodorini aggiungendo un pizzico di sale e tenere da parte
quelli interi.
Lavare le seppioline sotto l’acqua corrente per qualche istante e sgocciolarle in uno scolapasta.
In una pentola a bordi alti (antiaderente) mettere un generoso giro d’olio e uno spicchio
d’aglio a fettine sottili con un pizzico di origano e metterci le seppioline sgocciolate per qualche istante,
girarle e mettere un filo di vino bianco per sfumare. Aggiungere i pomodorini passati e quelli
interi tenuti da parte e schiacciarli appena con una forchetta.
Aggiungere ancora origano e un buon giro di peperoncino e far cuocere coperto a fuoco non
molto alto per circa 20 minuti. Quando il sughetto si sarà ristretto, le seppie saranno pronte.
Sono adatte come secondo e possono essere utilizzate per condire pasta lunga tipo linguine.
L’indicazione del tempo di cottura è relativamente precisa a causa del peso e del tipo di
seppioline utilizzate, nonchè dalle dimensioni delle stesse.
Personalmente misuro la cottura con una forchetta.

Annunci