La dieta del brodo di carne: il piano alimentare di 21 giorni con cibi antinfiammatori che fa impazzire New York

La buona reputazione c’è l’ha da tempo: il brodo di carne è da sempre uno dei cibi curativi più antichi e nutrienti. C’è chi semplicemente crede sia in grado di fare miracoli. Intanto l’abbondanza di nutrienti lo rende fonte di tantissimi benefici per a salute.

Kellyann Petrucci è una naturopata e nutrizionista amata dalle star come Gwyneth Paltrow e Kobe Bryant. Sua è la dieta del brodo in Italia da Newton Compton Editori. Un piano alimentare di ventuno giorni, facile da mettere in pratica, che si adatta anche alla vita più frenetica. Sono previsti due giorni di mini digiuno incentrato sul brodo di carne, che fornisce un’alimentazione ricca e nutriente e calma la fame mentre si bruciano i grassi senza sforzo, riduce le infiammazioni e promette di farvi splendere, come nuovi. Negli altri cinque giorni della settimana invece cibi che hanno un basso impatto sui livelli di zuccheri nel sangue. Alimenti che aiutano a bilanciare gli ormoni, donare una pelle luminosa, eliminare le tossine, riportare in salute l’intestino, ridurre le infiammazioni e mettere fine a quell’eccesso di peso che resisteva a tutto.

SE VUOI ESSERE AGGIORNATO SULLE NOSTRE RICETTE ISCRIVETEVI DI ENEL NOSTRO GRUPPO DI FACEBOOK BIMBY E NON SOLO DI PECCATI DI GOLA 568 E NELLA MIA PAGINA DI FACEBOOK RICETTE DI CUCINA

L’autrice, di origini italiane, ha scoperto il brodo di carne in un locale dell’East Village. A New York pare che sia una vera e propria ossessione. “Il brodo di carne non è solo un brodo – dice – è guarigione concentrata. Quando combinerete il potere dei mini digiuni al brodo di carne con una dieta principale di cibi bruciagrassi, perderete chili uno dopo l’altro”. Bastano tre settimane per vedere i primi risultati. Attenzione solo al periodo critico, all'”influenza da carboidrati”, che si presenterà più o meno dopo una settimana con i sintomi dell’influenza classica. È un processo che Petrucci ritiene indispensabile per abituare il corpo al nuovo stile alimentare, ma che annuncia la svolta. Basterà avere pazienza per tre, quattro giorni al massimo. Nel frattempo ecco come funziona la dieta del brodo.

  1. Lo schema giornaliero

Il programma alimentare prevede 5 giorni di alimentazione con cibi antinfiammatori e due giorni di mini digiuno a base di brodo. Nei cinque giorni, lo schema si ripete: a colazione, una porzione di proteine, una di grassi e una di frutta; sia a pranzo che a cena una porzione di proteine, due porzioni di verdure e una porzione di grassi. Nei giorni di solo brodo, se ne possono bere fino a 5 tazze ed eventualmente aggiungere uno spuntino ovvero una cena leggera alle 19.

2. Come funzionano i giorni di mini digiuno

Potete scegliere i giorni che preferite per i mini digiuni e non è necessario che siano gli stessi ogni settimana. L’importante è che siano separati da almeno uno o due giorni di alimentazione normale. Per esempio, provate a fare un minimo digiuno lunedì e l’altro giovedì. Nei giorni di mini digiuno si possono bere fino a sei tazze di brodo nel corso della giornata. Sono circa trecento o al massimo cinquecento calorie al giorno. Oppure potete bere brodo fino alle sette di sera e poi fare uno spuntino leggero o bere un frullato.

  1. Gli spuntini dei giorni di mini digiuno

Ciascun spuntino contiene una dose di proteine, una di verdure e una di grassi. Ecco qualche esempio: 80-100 gr di salmone affumicato, pomodori, lattuga e un cucchiaino di olio d’oliva. Oppure 80-100 grammi di petto di pollo cotto e broccoli a vapore con un cucchiaino di olio d’oliva. Due uova strapazzate con spinaci saltati in padella.

  1. Cosa evitare gli altri giorni

Per 21 giorni vanno eliminati i cereali: no a biscotti, cereali per la colazione, cracker, patatine, pasta e riso. No a grassi raffinati e lavorati; no a dolcificanti artificiale e a tutti i tipi di zucchero, sciroppi d’acero, marmellate e miele. No alla soia. No a prodotti caseari: dal formaggio allo yogurt. No a carni lavorate, cibi in scatola e sughi pronti. No alle patate e ai legumi. Cosa resta?

5. I cibi che affiancano il mini digiuno

Per 21 giorni si possono mangiare verdure, spezie, frutta, carne e pesce fresco o in scatola. Grassi sani come l’olio d’oliva, l’avocado, latte e olio di cocco, il ghee o burro chiarificato, frutta secca e olive. Sì agli alimenti fermentati come il Kefir di cocco, il kimchi e i sottaceti. Si possono usare le farine di mandorle e di cocco.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...