CIBI CHE NON DEVI MAI METTERE IN FRIGORIFERO!!!

Abituati a fare la spesa e mettere tutto automaticamente in frigo? È tempo di cambiare abitudini. Sono tanti gli errori che vengono commessi in cucina, senza neanche saperlo, e refrigerare “a ogni costo” è uno di questi.

I cibi che non devono mai essere messi in frigorifero sono molti: alimenti di cui il freddo accelera il deterioramento, ferma il normale processo di maturazione e (spesso) rovina il gusto e l’odore di frutta e verdura.

11 cibi che non dovreste mettere mai nel frigorifero, ecco la lista:

SE VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATA SULLE NOSTRE RICETTE ISCRIVITI NEL NOSTRO GRUPPO DI FACEBOOK PECCATI DI GOLA 568-RICETTE BIMBY E NON SOLO

AVOCADO

Il più delle volte al supermercato troverete avocadi ancora non troppo maturi e difficili da sbucciare e mangiare. Se li mettete in frigorifero dovrete aspettare un bel po’ per consumarli. Meglio conservarli fuori per farli maturare in fretta e mangiarli alla giusta consistenza, ovvero morbida.

AGRUMI

Una bella arancia fresca? Se mettete gli agrumi in frigo il rischio che diventino amari, però, è molto alto. Conservateli in un luogo fresco ma asciutto, così da fargli conservare anche il loro sapore pieno. Volete mettere in frigo un limone tagliato? Fatelo mettendo la parte tagliata sul piatto, così si rovinerà di meno.

BANANE

Per conservare bene le banane bisogna lasciarle attaccate al casco, così da farle durare di più. In più è meglio non tenerle in frigorifero: il rischio che la buccia diventi nera è più alto, soprattutto quando viene riposta nelle sezioni più fredde dell’elettrodomestico.

BASILICO

Il basilico perde molto in fretta il suo odore e il suo sapore in un ambiente troppo freddo. E c’è anche il rischio che in frigo assimili tutti gli odori degli altri cibi. Addio così a un buon PESTO ALLA GENOVESE

CAFFÈ

Quante volte avete visto conservare il barattolini di caffè nello sportello del frigo? Ecco, la prossima volta meglio intervenire e protestare. Il caffè è estremamente delicato e un eccesso di freddo potrebbe alterarne il gusto.

CIPOLLE

Le cipolle hanno bisogno di buio: il frigo non è assolutamente il posto migliore per conservarle, oltre che per la luce anche per l’umidità che si insinua e le fa ammuffire molto facilmente.

FRUTTI DI BOSCO

Frutti di bosco ammuffiti? Questo è il rischio se li tenete in frigorifero. Le bacche tendono a trattenere l’acqua accelerando così la crescita delle muffe.

MELONE

Il freddo del frigorifero rischia di alterare gli antiossidanti che rendono così nutriente il melone. Se però volete il melone fresco a tutti i costi potete tagliarlo prima di servirlo e metterlo per una decina di minuti in frigo: rinfrescante e dissetante.

PATATE

La temperatura ideale per conservare le patate è attorno i 9 gradi, quindi è meglio evitare di metterle in frigo: la temperatura bassa favorisce lo sviluppo dei germogli e l’aumento della solanina, un elemento tossico per il nostro corpo. A temperature troppo alte, invece, le patate diventano nere e non possono più essere mangiate.

POMODORI

Il pomodoro migliore per il nostro organismo è il pomodoro maturo: per farlo maturare secondo i cicli della natura non bisogna tenerlo in frigorifero, anche perché il freddo rischia di farlo deteriorare e soprattutto renderlo pastoso.

ZUCCA

La zucca ha bisogno di un posto ben ventilato ma allo stesso tempo secco per essere conservata al meglio. Solo una volta aperta la si può ricoprire con un po’ di pellicola trasparente, così da non farla seccare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: